Pagina:Praga - Le madri galanti.djvu/45

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Salvi. Salvi. Son capitato un po' per tempo a fine di trovarla prima che scappi a fare le sue visite, le sue passeggiate. Maria. Allora andremo a prevenirla, se permettete. Salvi. Oh! grazie!

SCENA III. Enrico, il Barone.

Domestico. (annunciando). Il signor barone Abati. Barone. (entrando con un enerme mazzo di fiori). O piuttosto il suo bouquet.... ma la contessa? Salvi. Ecco quello che accade quando si preparano i motti prima d'entrare, la contessa non c'è. Barone. (al domestico). Ehi! portate un vaso d'acqua per questi fiori. Salvi. Tranquillizzatevi, barone, la contessa verrà tosto, i vostri fiori non appassiranno attendendola. Barone. Pure confessatelo, voi, giovanotti dell'oggi, non sapreste presentare ad una dama un bouquet così come facciam noi.... Salvi.