Pagina:Praga - Le madri galanti.djvu/65

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


iezza. Anna. Oh! grazie al cielo, siamo ancora lontani. Maria. Men di quanto credete. Anna. Cioè ? Maria. La simpatia c'è già, e l'ho scoperta io .... Anna. Impossibile ! Maria. Sì, un bravissimo giovine, il signor Salvi.... Anna. Ah! ora capisco, siete anche voi della congiura. (suona il campanello). Maria. Io non sono d'alcuna congiura; se ho parlato così gli è perchè mia nipote è la più cara affezione che mi sia rimasta in terra. (entra una cameriera). Anna. Fate venir Camilla, (alla cameriera). -Volevo appunto darle una lezioncina intorno a quel signor Salvi. Avete fatto bene a rammentarmelo. Maria. Ve ne supplico, non affliggetela. Le Madri Ga