Pagina:Praga - Le madri galanti.djvu/97

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


fugge.... è fuggito.... vedete, contessa. s'è ritirato; la è una bella storiella da raccontare. Salvi, (che avrà udito le ultime parole, serio a Collalto). Non la racconterete. Collalto. Oh! l'amico Salvi. Salvi Sapete, mio caro, che avete il bernoccolo dell'impudenza sviluppato sino all'ultimo grado Collalto. (affettando disinvoltura). Ah! bah!veramente? Salvi. Veramente. Ed è un molto maligno bernoccolo. Ma ciò che più mi meraviglia si è che non abbiate ancora trovato uno che ve lo faccia calare un tantino: la sarebbe da senno un'azione filantropica, perchè vi so dire che un battaglione d' individui col bernoccolo alla vostra maniera basterebbe per compromettere tutte le donne di Lombardia, e non esagero. Sì, potete vantarvi, signor Collalto, d'appartenere ad una fra le razze le più terribili del giorno; quella che, senz' esser capace di torcere un capello ad alcuno, assassina l'onore di tutti. (Matilde e 2.° signore si presentano sulla porta). Collalto Signore, la mia dignità non.... Salvi. Eh via, tacete, signore; vi è certa gente che Le Madri Gufa