Pagina:Prati, Giovanni – Poesie varie, Vol. I, 1916 – BEIC 1901289.djvu/154

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
148 v - da «memorie e lacrime»


8

A UN AMICO

Invidiarmi? Illuso! abbiti care
le dolcezze del tuo vivere oscuro.
Spensierato, se lasci il picciol muro
della tua casa e il patrio limitare.
Vedrai scaltre lusinghe, emule gare,
troverai contra te que’che tuoi furo:
sempre il ben tardo; il mal sempre maturo;
opre dovunque ambiziose e avare.
Passa pur fra la turba immaculato:
nel suo bruno mantel chiuso in disparte,
sempre il livor ti noterá in peccato!
Questa, amico, è la gloria: è questa l’arte
della fortuna. E poi si muor. Beato
chi ignoto arriva e ignoto se ne parte!


9

A GIORGIO BYRON

Nato nel grembo di nebbiose lande,
bello apparisti e formidabil tanto,
che spesso i lauri delle tue ghirlande
andár bagnati del femmineo pianto.
Varia del viver tuo per varie bande
suonò la fama, e talor fosca, ahi! quanto.
Ma chi t’intese, ti compianse, o grande
e giovin re del desolato canto!
Uomini, fede ei vi chiedeva, e tacque
lo steril mondo. Amor gli fu venduto.
L’ebbe senz’oro e non gli die’ conforto.
Allor lanciossi dell’Egèo sull’acque.
Non vi giovi indagar com’è vissuto:
pensate sol dove il poeta è morto!