Pagina:Primi poemetti.djvu/144

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
124 l’accestire



ii


Lodo la spiga e lodo ancor la pigna.
Ma la pigna e la spiga hanno gran liti
19tra loro. — Io non vo’ grano nella vigna —

Padrone, su le prode io non vo’ viti: -
se lo bei, non lo mangi ― Io non do noia:
22tanto mi tagli, quando mi mariti! -

È infida... ― Ogni anno ella convien che muoia —
Sempre soffietti... ― e ari a capo chino —
25Io sono la tua vita ― Io la tua gioia —

Tua carne è il pane ― Ma tuo sangue, il vino —
Che odore sa l’odore di pan fresco! —
28E che cantare fa cantar di tino! -

Io son di casa ― Io più, che mai non esco:
tu mi macini in casa co’ tuoi piedi —
31Tu, con me solo, puoi sederti a desco —

Ti levi, senza me, come ti siedi —


iii


Tu pigna dura per insù, tu molle
spiga all’ingiù, vivete dunque in pace!
35Per l’una il piano, sia per l’altra il colle.