Pagina:Primi poemetti.djvu/218

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
198 italy


Erano stanchi! avean passato il mare!
Appena appena tra la pioggia e il vento
21l’udiron essi or sì or no sonare.

Maria cullata dall’andar su lento
sembrava quasi abbandonarsi al sonno,
24sotto l’ombrella. Fradicio e contento

veniva piano dietro tutti il nonno.


ii


Salivano, ora tutti dietro il nonno,
la scala rotta. Il vecchio Lupo in basso
28non abbaiò; scodinzolò tra il sonno.

E tentennò sotto il lor piede il sasso
d’avanti l’uscio. C’era sempre stato
31presso la soglia, per aiuto al passo.

E l’uscio, come sempre, era accallato.
Lì dentro, buio come a chiuder gli occhi.
34Ed era buia la cucina allato.

La mamma? Forse scesa per due ciocchi...
forse in capanna a mòlgere... No, era
37al focolare sopra i due ginocchi.

Avea pulito greppia e rastrelliera;
ora, accendeva... Udì sonare fioco:
40era in ginocchio, disse la preghiera.