Pagina:Prose e poesie (Carrer).djvu/203

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
 
 
195


riferivansi ha mortificate alcun poco, dovevano potentemente colpire gli animi di coloro che quei prototipi avevano sotto gli occhi. Le Donne, il Mondo e i Ricchi, che con troppo facile scambio fu poi stampata col titolo degli Avari, e alcune altre tuttavia inedite, per forza di concetti, finezza di osservazioni, e studio di lingua, di stile e di ritmo gareggiano colle anzidette. In generale dei sermoni del Pezzoli sentono la scuola giovenalesca. Molti estratti delle satire di quell’antico, trovati fra le sue carte, e la traduzione in prosa di alcune, che vedevasi fatta per solo esercizio o per alimento al proprio mal umore, raffermano una tale opinione. Maggior candore e finezza di stile hanno per verità i sermoni del Gozzi; il Zanoia ne’ suoi pochi ed eletti ha più evidentemente ritratti i costumi particolari al suo tempo; pure non pochi sono i vizii lasciati intatti dai satirici anteriori al Pezzoli, e ch’egli coraggiosamente seppe svelare e trafiggere. Parrà forse a taluno che molte volte lo studio degli ornamenti poetici scemi evidenza alla pittura, o la spogli almeno delle tinte particolari al tempo ed alla nazione; io so per altro di qualche richiamo fatto al poeta per la troppa libertà e precisione onde erasi studiato di colpire alcune azioni e alcune persone. Non sarebbe però nuovo il caso che la critica letteraria da un lato, e l’amor proprio dall’altro, assottigliando ambidue in causa propria le osservazioni, accagionassero lo stesso autore e l’opera stessa di colpe affatto oppo-