Pagina:Prose e poesie (Carrer).djvu/215

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
 
 
207


alla materia religiosa. Spiacemi dover convertire in accusa dell’amico mio una dimostrazione ch’egli mi diede di affetto, intromettendo il mio nome nelle divote canzoni; ma ciò ancora, oltre al resto, viene a corroborare quanto ho detto poco prima circa l’intendimento del traduttore. A dichiarare il disegno di lui mirano per la più parte le brevi prose da me poste innanzi a ciascuno dei salmi. Associandomi al Pezzoli in quella impresa, ben lungi che volesse egli solo incaricarsi della poesia, lasciando a me le spinosità del commento, come da taluno si scrisse, io stesso ho fatto cessione all’amico di quella parte di lavoro che sarebbe stata la mia, secondo aveva egli divisato a principio, e tutto mi ristrinsi alle annotazioni, accorgendomi, ch’ove fatica assai difficile per un solo il volgarizzamento del Salterio, impossibile sarebbe stata per due. Quanto ho finora osservato circa i difetti di questo lavoro, mi assolverà spero dalla taccia di parziale se soggiungerò adesso, che, in onta a que’ difetti, la traduzione del Pezzoli vuolsi avere per la migliore di quante comparvero finora in Italia. V’ebbe chi in alcuni salmi adempì l’ufficio di egregio traduttore, e fu il Casarotti, a cui le Poesie bibliche saranno lungamente superstiti; ma, tolto questo, che, come dissi, soltanto alcuni salmi tradusse, qual altro volgarizzatore vorrà contrapporsi al Pezzoli? Forse il Mattei, che colla sua dilombatissima poesia ha prestato a Davide e a Salomone il linguaggio e le cantilene delle Se-