Pagina:Proverbi, tradizioni e anneddoti delle valli ladine orientali.djvu/131

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 127 —

póssĕ vĕ didér, perquè el prum luneš del méis voša gent íe a dat al bestiam sél, segná e èga dĕ battum, geon pur più inant.” I va e i va e i rua tĕ na ostaría; el zot commanna da béiver. Intant quĕ i beèa el tira fora un cortéll dĕ gófa con nèf crouges e lo imponta su un dèsc. “Cognoscèdĕ”, dige el a Pellegrin, “quist cortéll?” Quél da Soppéra lʼ a cognosciú, ma no sĕ a fidá dir nia, sĕ no lʼ era andato. E in lʼ outa el zot íe conta, quĕ na di con so musciat el passèa su per Forcha e el volèa sĕ tor un piz1 dĕ fèn al vešolér, ma zaquéi íe a tirá quél cortéll dalla crouges tĕ un gallon2 e lʼ è semper restá zot.


Qui doi da Gries íe gitʼ a Padua a sĕ librér dal vóto, i sĕ3 a comprá medáes e do quĕ i íe les a abúdes taquédes alla vaches no i a mai abú nia.

ma non ne esce niente; pieno di rabbia butta fuori una gran bestemmia, ma ancora non giova; allora disse:,,Non posso aiutarvi, perchè la vostra gente nel primo lunedì del mese ha dato sale, cose benedette ed acqua del battesimo al bestiame, andiamo pur’avanti. * Vanno vanno, e giungono in un* osteria; il zoppo commanda da bere. Mentre essi bevono, lo zoppo cava di saccoccia un coltello da nove croci ficcandolo nella tavola..Conoscete** dice egli a Pellegrino,, questo coltello?" Quel di Soppera ben lo conobbe, ma non si arrischiò dir parola, altrimenti per lui la era fatta. Allora lo zoppo gli racconta, che egli un giorno col suo asinelio passava su per Forca e voleva prendersi un pugno di fieno per darlo all’asino, ma che qualcheduno gli gettò quel coltello dalle croci in una gamba, per cui restò zoppo per sempre. Continuando il loro viaggio giungono ad un’altra osteria; allorché entrano per la porta, un forestiere abbraccia Pellegrino dicendo: „ Grazie a Dio, cho ci vediamo, come vela passate adesso?* Pellegrino pieno»

  1. piz = it. pizzico.
  2. gallon = it. gallone.
  3. sĕ=nĕ