Pagina:Proverbi, tradizioni e anneddoti delle valli ladine orientali.djvu/150

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 146 —


chèf tel paréi; sĕ crépa i cèrquies dela pégna; la brama va via per stua e lascia fora na púzza del diáol; déš un gran búgol, quĕ la chésa tremèa; el signor dó lʼ è doventá dur squè un pél e dapó fagèa attʼ quʼ el pareà mat. Zacan i vèn da mèssa; Vaièrĕ dut fora dĕ sè mèna a tor el curat; el vèn, tira èga sénta sul signor, ie mètt na piccola stola sʼ una spalla e sʼ una quèssa, tocca el liber e... scutá pa... dut sĕ fèrma. El vérda tel liber e tróa 14 patrons dĕ sia cura ja sottoscrittʼ tĕ la mans dĕ quist briccon. El segnor co lʼ a podú sʼ in è git e no è mai piú stat vedú.

terminato, che questo libro salta su e giti (nella camera); il signore comincia a tremar come una togliti ed a dar colla testa nella parete; i cerchi della zangola si spezzano, la panna ne esce spandendosi per la camera ed emanando un fetore del diavolo; si sente una forte detonazione, che ne trema la casa; il signore dipoi diventò duro come un palo ed usava maniere tanto strane, che sembrava pazzo. Finalmente la gente ritorna della chiesa; Valerio tutto fuori di se manda a prendere il curato; questi giunge, getta acqua benedetta sopra il signore, gli mette una piccola stola sulla spalla e sulla coscia, tocca il libro e... udite... tutto diventa chieto. Egli guarda nel libro e vi trova 14 padroni della sua curazia già iscritti e (perciò) nelle mani di questo briccone. Il signore appena potè se la svignò, né fu più mai veduto.