Pagina:Proverbi, tradizioni e anneddoti delle valli ladine orientali.djvu/23

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 19 —


vedono sì spesso la notte fiammelle turchine; e qui è pure rimarchevole, che fra più individui, che casualmente attraversano ad un tempo tali prati, gli uni le vedono, gli altri no. Sembra, che perfino i cani s’accorgano della presenza delle fiammelle o degli spiriti, perchè spesse volte essi in tali luoghi fecero de’ grandi rigiri. Questi lumicini non fanno però del male a nissuno, ma d’altronde non è neppur possibile di arrivar loro da vicino per studiar la loro natura a fondo, perchè in modo quasi burlevole vanno sempre allontanandosi in porporzione che loro si si avvicina 1.

Meno predominante è la credenza, che quelle anime non trovino pace nella tomba, che durente vita hanno nascosto qualche tesoro.

I limiti imposti a questo lavoro non permettono una considerazione più estesa delle molteplici fasi della superstizione presso la popolazione Ladina, giacché in tal caso si dovrebbe prendere in considerazione tutto ciò che esercita qualche influenza sulla vita umana, come sarebbero erbe, pietre, malattie eci; in ugual modo si dovrebbe entrare in un discorso sopra i costumi, le usanze e le credenze speciali dei Ladini; per ora basterà rimandare il lettore alla pregevolissima opera del pro^ fessore Ignazio V. Zingerle: „Sitten, Branche und Meinungen des Tiroler Volkes*, constatandosi valere anche per i Ladini più o meno letteralmente quanto in quella vien detto ai numeri seguenti: 2, 28, 41, 61, 108, 127, 128, 130, 134, 149, 161, 177— 179, 188, 190, 207, 209, 211, 221, 224, 246, 251, 273, 274, 287, 289, 297— 301, 307, 312, 313, 318, 325, 378, 380, 399, 401, 402, 404, 405, 406, 419, 420, 424, 434, 442, 446, 448, 450, 451, 457— 459, 477, 478, 496, 497, 499, 500, 508, 514, 525, 526, 527, 537, 550, 553, 554, 557, 565, 566, 613^ 643, 648, 651, 689, 706, 711, 723, 741, 748, 757, 831, 861, 917, 923, 961, 966, 967, 976, 996, 1014, 1026, 1029, 1046, 1065, 1066, 1076, 1081, 1097, 1127, 1133, 1153, 1175, 1180, 1291, 1448, 1502, 1504.

La presente raccolta di proverbi, tradizioni, raccontini, auedcfr.

  1. Grimm, Mythologie p. 868, 870.