Pagina:Proverbi, tradizioni e anneddoti delle valli ladine orientali.djvu/86

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 82 —


La santa Crůge de Badia.

Sůra Badia dalla pért olláque; sorë́dl léva, sott n gran crëp èl na bèlla picera dlīša, olláque no solmë́nter asquéš důtʼ i Ladins mo inche trèce Pústeri va a ringraziè l Signor del begn, quʼ ël i a fatt, o a priè dĕ val grazia ten gran bišogn. Dan plů quĕ 800 anʼ fôl tla Carë́ntia n çérto conte Otbin, quĕ fora di granʼ lůš, quʼ ël ava in quëlla provincia commannâ inche in gran pért sůra Púster, propi quël quʼ a fondé l convë́nt de Sonnenburg. An conta, quʼ ël sʼ áiĕ retirè itĕ per les monts di Ladins per fa penītë́nza dĕ sůs strambarīs, quʼ ël â commettů́́ contra la santa fèdĕ ed i bonʼ costúmi; zacan fôi mèfo inscí quiš granʼ: rī inscique l malan colla půra gent; tandī quʼ ëi fô jo̊nʼ, les fageovi důtes les plů maladë́ttes, quʼ an póssĕ sĕ pensé; mo plů tért quan quʼ ëi gniva vèdli e nĕ fô plů bonʼ dĕ fa nia, fôl la coscië́nza, quʼ i mordô, e inscí mettóvi su dlīšes, convë́ntʼ ed atres coses credan ai prôi, quĕ digeô, quĕ con óperes tales sĕ podèssi salvé lʼ anima. Inscí êl inche pro quëš. Ël stéva inzan

La Santa Croce di Badìa.

Sopra Badia dalla parte ove il sole si alza al pie d’un monte dirupato sorge una bella chiesetta, ove si recano in pellegrinaggio non solamente quasi tutti i Ladini, ma anche molti della Pusteria per ringraziare il Signore del bene fatto a loro o per pregar di qualche grazia in un gran frangente.

Avanti più di 800 anni c’era in Carinzia un certo conte Otvino, il quale oltre ai possedimenti che avea in questa provincia comandava anche su gran parte della Pusteria ed è propriamente colui che fondò il convento di Sonnenburg. Si racconta, che egli si sia ritirato nelle montagne de’ Ladini, onde far penitenza dei suoi traviamenti commessi contro la santa fede ed i buoni costumi; un tempo già erano così questi signori: cattivi come il diavolo colla povera gente; finché erano giovani commettevano ogni stranezza immaginabile; ma più tardi, quando invecchiavano e non erano più atti a nulla, sentivano i rimorsi della coscienza, cosichè fabbricavano chiese, conventi ed altre cose prestando fede ai preti, i quali dicevan loro, che