Pagina:Proverbi, tradizioni e anneddoti delle valli ladine orientali.djvu/97

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

III.

Anneddoti

Pìrĕ dal Polver.

Aldide ṣegn chi quĕ Pìrĕ dal Polver contâ damannè qu’an l’â co qu’ël èss fatt a imparè a fa strionë́ce: I’ fô chamó n tè bastèrt dĕ diga an’, qu’ël gniva gonót da mi pèrĕ ad albèrc Cristl da Ras e l slòsser1 dalla Mont, intrammi doi strions scèque du̇t’1 sa. Dô cë́na nes paravel dagnòra a dormì l pèrĕ, sc’ël fóa quiš doi illó. Mo iu̇ da falz mĕ scognova sott ban da fornèll itĕ e inscì minavi ëi, qu’i’ fossa bèll a dormì. Quanquĕ du̇t’san fô, tirâ l pèrĕ dĕ na lada sërada tè fèttri libri e ligeova la itĕ coi atri doi. Insci ái imparè de fèttres robes e quanqu’i’ fô gran ái ’chi fatt aldô e du̇t’mĕ tegne chamó per n strion. I’ minĕ propi instë́ss d’èsterval dĕ tè, per nia nĕ mĕ perseguitë́i l inscì l corat dalla Val. Ël orèssa per forza

Pietro dalla Polvere.

Pietro dalla Polvere dopo la domanda fattagli, come fosse riuscito ad imparare la stregoneria: Io era ancora un ragazzaccio di dieci anni, allorchè di spesso dal padre mio venivano ad albergare Cristoforo di Kas ed il magnano del Monte, tutti e due stregoni, come tutti sanno. Ogni qualvolta questi due erano in casa nostra, il padre ci mandava sempre a letto dopo cena. Ma io da furbo mi nascondeva sempre sotto la banca della stuffa, mentre essi credevano, ch’io mi fossi già coricato. Dopo che tutti san’erano andati, il padre tirava fuori da un cassettino chiuso a chiave certi libri, sui quali leggeva cogli altri due. Così appresi cose straordinarie e divenuto grande mi regolai su quelle,

  1. Parola tedesca, che significa magnano.