Pagina:Proverbi, tradizioni e anneddoti delle valli ladine orientali.djvu/99

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 95 —
érbes e iùsta in quel an m’è sté

l corat dalla Val per sùra per mis stories qu’i’ fageova. I’ a boiii na séra iit in ’tè na té chasara prò i Tuxeri 1 l’èga de vita reuziana, què savès begn, r èga dĕ vita è mèfo per me l’ùnica ella; quan qu’i’ né n’a più de quella, spo sonsi fenì. I’ m’indormedì donca su n banc, mo tana maladetta, ël gniva da vigni pért sorices, panteganes, scarpions e billóres adarlérc, dùt addós a me, me beccava e ël me savova, qu’i’ foss tei’ infér. I’ mette man dĕ serale e cigognè e i Tuxeri vegne in aiùt, mo èi ne vèga, chi qu’èl è. l’me scògne ten scriu, mo ël fó pres forò de vigni vérs; nianèjóa, inche èga santa ne. Infatti èl fóa n’affare gério e i’ me temova, què 1 malan me portèss dĕ mèz. I Tuxeri salta a tó 1 corat dad Elba 2, èl vegne, m’esamineia, tol fora n liber e la stola bruma e me fége tra d’èga fréscia. Intan sonsi revegnii, mo 1 corat dige insci: Pire, i’ tei dige, §egn as t’per intan pége, mo enter 48 òres mésses tè predente al corat dalla Val e fa la pége con el, scè no vaia mal ". Dùt spaventé insci

raccogliendo erbe su Perdoi; fu

appunto in quell’anno, che il curato della Valle avea incominciato a prendersela meco per le stregonerie, ch’io faceva. Una sera in una capanna de’ Tusseri io aveva bevuto l’acquavita genziana, giacché, come sapete, l' acquavita per me e proprio l’unica cosa; quando non ne ho più, per me la è finita. M’addormentai su d’un banco, ma per Bacco, ecco che da tutte le bande s’avvicinano sorci, ratti, scorpioni e donnole, tutti si precipitano su di me e mi morsicano, che soffriva le pene dell’inferno. Comincio a gridare ed a gemere; accorrono i Tusseri in mio aiuto, ma senza vedere, che cosa era. Mi nascondo in uno scrigno, il quale (da quelli animali) fra breve fu traforato in ogni verso; niente giova, neppur l’acqua santa. Di fatto l’affare era serio ed io avea paura, che il diavolo mi portasse via. I Tusseri corrono pel curato d’Alba, il quale giunto mi esamina e cavatosi un libro di tasca e messasi la stola turchina mi fa spruzzare con acqua fresca. In questo mentre

tornai in me ed il curato allora


  1. I Dusseri al Sud-Ovest del Zillerthal l’estate vengono sulle montagne de’ Ladini per brucciarvi acquavita.
  2. Alba villaggio nella valle superiore di Fassa.