Pagina:Raccolta di proverbi bergamaschi.djvu/11

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

AVVERTIMENTO


Per necessità tipografica non ho seguito intieramente il sistema di trascrizione proposto ed usato dal grande maestro G. I. Ascoli nel suo Archivio glottologico italiano; mi sono quindi attenuto alle norme seguenti:

Coll’accento ^ segno le vocali lunghe.

é, ó rappresentano il suono stretto e breve.

è, ò      "      il suono largo e breve.

ö rappresenta l’eu francese di feu, peu.

ü è l’ü tedesco o l’u francese.

ć è il c italiano di selce.

ś è il suono iniziale dell’italiano scemo.

L’abbreviatura Ang. indica sempre il Vocabolario di G. B. Angelini, nato a Strozza di Valle Imagna nel dicembre del 1690 e morto nel gennajo del 1767. Il Vocabolario dell’Angelini, che si conserva nella Biblioteca Ambrosiana, è un grosso manoscritto in foglio prezioso pel molto materiale che contiene, se non per il metodo col quale è distribuito. L’ultima parte è destinata ai proverbj e modi proverbiali, da cui ho trascelto quelli, che nella presente raccolta sono contrassegnati Ang. E nel trascegliere fui parco, perchè molti dei proverbj registrati dall’Angelini