Pagina:Raccolta di proverbi bergamaschi.djvu/94

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
94
di chi riprende altrui d’alcun vizio, del quale sia macchiato esso come il ripreso.
Ol diaol al völ cassà i córegn de per tötIl diavolo vuol cacciare le corna dappertutto — I Toscani: Dio non fa mai chiesa che il diavolo non vi fabbrichi la sua cappella, e s’intende dire che il diavolo cerca sempre di far nascere qualche male, quando vede farsi alcun bene.


MESTIERI, PROFESSIONI DIVERSE.


A fa di mestér che nó s’ è üs, al vé long la barba e stréć ol müsA far de’ mestieri a cui non si è uso, vien lunga la barba e stretto il muso
Chi fa ü mestér che no ’l sa fa, nó ’l se troa negót in maChi fa un mestiere che non sa fare, non si trova nulla in mano — perciò
Lassa fa ’l mestér a chi tócaLascia fare il mestiere cui tocca;
Ognù ’l sò mestérOgnuno faccia il suo mestiere — e spesso diciamo anche:
Ofelé, fa ’l tó mestéOffellaro, fa il tuo mestiere.
As’ fa ’l mestér per guadegnàSi fa il mestiere per guadagnare.
Ch’à mestér tróa pa da per töt (Ang.) — Chi ha mestiere trova pane dappertutto.
Chi öl proà la fam e la bolèta, i sa mète a laurà a la caalètaChi vuol provare la fame e la miseria, si metta a lavorare al cavalletto — Anche i Francesi, quando vogliono indicare che uno è poverissimo, sogliono dire: Il est gueux comme un peintre.