Pagina:Raccolta di rime antiche toscane - Volume primo.djvu/33

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

33

  De la malenconia;
La quale è fredda, e secca:
  Certo è di larga tecca.
Un’altra n’è ’n podere
  Di sangue, al mio parere,
Ch’è caldo, et umoroso,
  E fresco, e gïojoso.
E flemma ’n alto monta,
  Ch’umido, e freddo pronta,
E par, che sia pesante,
  Quell’uomo è più pensante.
Poi la collera viene,
  Che caldo, e fuoco tiene;
Che fa l’uomo leggiero,
  E presto, e talor fiero.
E queste quattro cose
  Così contrarïose,
E tanto disiguali,
  In tutti l’animali
Si conviene accordare,
  E di lor temperare,
E refrenar ciascuno,
  Sì, ch’io li rechi ad uno.
Sì, ch’ogne corpo nato
  Ne sia complessïonato .
E sacci, ch’altramente
  Non sen farìa nïente.

X.


Altresì tutto ’l mondo

  Dal ciel sin al profondo
È di quattro elemente

  Fatto ordinatamente: