Pagina:Regolamento del Real Collegio Liceo Cicognini di Prato presso Firenze.djvu/12

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 10 —

art. 6. Possono gli alunni col consenso delle famiglie e colle riserve e norme prescritte dalla Direzione imparare a loro spese:

a. il Disegno (ornato, paesaggio, figura).
b. la Musica (flauto, violino e pianoforte).
c. la lingua francese, la tedesca e l'inglese.

art. 7. Essi devono pagare le tasse scolastiche che siano stabilite in ordine alle leggi dello Stato.

DAL TITOLO II.


del consiglio direttivo


art. 1. Il Consiglio Direttivo è composto del Direttore del Colgio che ne è il Presidente con voto, e da quattro Deputati due dei quali nominati dal Ministero della Istruzione pubblica, e due dal Consiglio comunale di Prato.

art. 2. Il Consiglio attende alla conservazione e buona amministrazione dell’asse patrimoniale; invigila all’applicazione ed osservanza del regolamento; delibera sugli acquisti, alienazioni e permute di beni stabili, sul ritiro e rinvestimento dei capitali; sovraintende alle grosse provviste; approva i contratti con i fornitori, e rivede i bilanci di previsione e i resoconti annuali, che sono per mezzo del Consiglio comunale trasmessi alla definitiva approvazione del Ministero.

art. 3. Il Consiglio nelle sue adunanze si informa dell’andamento morale, disciplinare e scolastico dell’istituto; verifica le assenze degli insegnanti e provvede per le supplenze nei casi di bisogno, e può sospendere qualsiasi impiegato per fatto pubblicamente scandaloso o per abituale negligenza nei doveri d’ufficio.

art. 4. La rappresentanza giuridica dell’Istituto negli atti pubblici, e quella di onore nelle pubbliche funzioni è riservata al Direttore.

DAL TITOLO III.


degli insegnanti


art. 1. Gli insegnanti nel Liceo e nel Ginnasio sono nominati dal Ministro della Istruzione pubblica sulla proposta del Consiglio Direttivo presieduto dal R. Provveditore; quelli della Scuola tecnica parimente dal Ministro sulla proposta della Giunta comunale di Prato, che sentirà, avanti di proporre, il parere del Direttore del collegio.