Pagina:Regolamento per il pubblico tiratoio dell'arte della lana di Prato.djvu/13

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 11 —

Terrà luogo della domanda anche un mandato inviato al custode insieme alla merce purché contenga le stesse indicazioni della demanda e sia firmato dal mittente.

Essendo il mittente persona sconosciuta al Custode, questi potrà rifiutare il mandato ed esigere che la domanda sia scritta avanti di lui.

38. Le ritirature saranno fatte inalterabilmente per ordine di data delle domande. I tessuti ritirati dovranno essere tolti dal Tiratoio sollecitamente a cura degli esercenti.

STANZONE E LASTRICO


39. Chi vorrà profittare del comodo di stanzoni e lastrico dovrà scrivere la sua domanda in apposito modello che riceverà dal Custode.

40. Nessuno avendo le chiavi di uno stanzone potrà fare nuova domanda se non rimette quelle che tiene in mano.

41. Se più postulanti nello stesso giorno o in giorni diversi abbiano domandato le chiavi, la precedenza negli stanzoni e nei cinque compartimenti nei quali è diviso il lastrico è determinala dall’ordine della fatta domanda.

42. Qualora vi sia un solo fabbricante che asciughi la lana goderà interamente il lastrico, ma se ne sopravverranno altri, dovrà cedere il posto necessario affinchè ancora questi abbiano il luogo per asciugare.

43. Le chiavi di ciascuno stanzone sono due, differenti l'una dall’altra. Il Custode ne ritiene costantemente una, l’altra viene data all’usuario o fabbricante.