Pagina:Ricerche sul progetto di una strada di ferro da Milano a Venezia.djvu/6

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
288


che gli uomini non si possano facilmente disgregare da quei loro centri naturali. Quindi la massima corrente delle loro reciproche comunicazioni sarà sempre sulla linea che unisce un massimo numero di questi tenaci e antichissimi centri. E perciò farebbe grave errore chi regolasse in Italia la direzione delle strade ferrate nella direzione ch’esse presero in alcune parti degli Stati Uniti; nei quali paesi gli uomini non hanno affezioni municipali e sono pronti come l’acqua a scorrere dove vuole il pendio e cangiano domicilio come noi cangeremmo osteria. Gli Italiani hanno scoperto l’America; erano a quel tempo signori del mare; eppure sono l’unico popolo marittimo che non vi abbia stabilito il suo nome e la sua lingua. Chi in Italia prescinde da questo amore delle patrie singolari, seminerà sempre nell’arena.

5.

Negli Stati Uniti alcuni territorj percorsi da strade ferrate sono ancora quasi deserti e ingombri di primitive foreste. Quindi le strade talora, a cagion d’esempio da Cincinnati a Cumberlandgap, e di là a Columbia e Charleston, si progettarono affatto rettilinee; 1.° perchè non v’era causa di deviare non v’essendo città; e 2.° perchè gli enormi intervalli deserti che sono da città a città imponevano di studiar soprattutto la brevità del passaggio. Ma nelle parti interne degli Stati Uniti tutto è rettilineo; la frontiera del Nord-Ovest fu segnata nei trattati di pace non con fiumi o con monti che ancora non avevano nome e forse non erano scoperti ancora; ma fu indicata così all’ingrosso con un grado di latitudine. I limiti fra alcuni Stati, a cagion d’esempio il Kentucky e il Tennessee sono una astratta linea retta. Gli Stati interni sono quadrettati come una scacchiera. Ogni riquadro è destinato a divenire un distretto, ed è suddiviso in altri riquadri destinati a formare le comunità, le quali sono suddivise in altri quadretti che formeranno i poderi. È la prima terra del mondo che sia stata divisa colla squadra e col compasso; e dove ogni città ed ogni villa sorgerà al suo giusto e debito luogo, su crocicchj di