Pagina:Rime.diverse.in.lingua.genovese.Bartoli.Pavia.1588.djvu/12

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

RIME 13


7E che de veiue tanta doggia ho pù.
Che staggo zu chinao da scaghignio
Ma se à ra fin ve veggo drizzo sù
E son de veiue subito goario,
Ni mostrà ro me mà ve posso chiu
Che sempre me vei drito, e cororio.
Si che voi con fuzime, m'inchiaghe
Ni fuò mostrà ra chiaga me lassè.

8Ma in fin morrò per voi se u'ascondei
Si morirei con meigo ancora voi,
Che de Fogetta como inteizo hauei
Me son cangiao bella Cattania in voi,
Si che fa ben per vostro ben me dei
Può che ro danno me fa danno à voi,
Che dra cruezza crua chiu saressi
Se de mi chi son voi piete no hauessi.

9In voi cangiao Catannia me son Mi
Ma in mi cangià no me parei za voi
Per che ve cerco, ni ve trouo Mi
Anzi ho perduo mi per cerca voi,
E puo che chiu nò trouo voi ni Mi
Posso di che no son ni mi ni voi
Ch'imposibile pa, ma crè ro dei
Ch'Amò tutto può fà como sauei.