Pagina:Rime.diverse.in.lingua.genovese.Bartoli.Pavia.1588.djvu/126

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

127

DEMANDE D'ADAVINA.


i.


L'è pu certo, unna gran dezauentura
Ra mea, de zonze a cosi tristo porto,
Che de maschio che son, cangio natura
E de femena puoe ro nome porto,
De pugni, e sponchionè fuoe de mezura
Me dà quarch'un ma pezo ancon soporto
Perche tar ho soffrisso, a tempo, e luoego
D'esse per nutri lò, misso intro fuoego.

2.


Che no me sauei di tra tutte quente
Belle madonne mee, che cosa è quella
Chi se ue chiù da lonzi, che da rente?

3.


Una cosa va pinna pe ra chà
Chi hà in le quaranta die, e quattro pe,
Ben è sotti chi adauinà ra sà.

4.


Mi d'ogn'hora camino, e moe me muoeuo
E i atri fazzo rossi, e neigro son
Porto ra cappa, e freiddo moe no pruoeuo.

5.


Vnna cosa hauei vui, che no l'hò mi
E mi l'vueuero chiu che no fe vui
Se vuì l'adauine sei chiu che mi.