Pagina:Rime.diverse.in.lingua.genovese.Bartoli.Pavia.1588.djvu/129

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
130 DEMANDE


18


Che no me sauei di chi e quella cosa
Che giorno, e notte moe no se reposa.

19


Dui luxenti, e dui ponzenti
Quattro stanghe, e pochi denti

20


Chi è quello chi no è figio, e manco Poere,
E generou, puoe genera so moere?

21


Madonne adauinè chi è quella cosa
Chi è maschio Crua, e cuoeta puoe deuen
Femena, cosa in vei marauegiosa.

22


Di chi è quello Animà, per cortexia
Che chiamaou per so nome fuze via.

23


D'unna sfera pigiene ra meitè
E un'intregha meteighene da puoe,
Con ro principio ancon de Roma puoe,
Atro da nui no vuoe l'Ata Bontè.

24


Mi son figia dro Sò, nassua con lè
Che un cinquanta, e puoe un cinque con un dexe
Mostran chiero a cascun ro nome me.