Pagina:Rime.diverse.in.lingua.genovese.Bartoli.Pavia.1588.djvu/144

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

D'ORLAN FVR. 145

30E conossando che a l’hauea raxon
E che tutto era vei zo che o ghe disse,
Se ghe chiodè de sorte ro muzon,
Che o ste tre hore prima che o l’aruisse.
Puessa o zurà però so Dè Macon
De no vorrei cellà chi ro crouisse
Che quella che Rolando se guagnà
A ro tempo che Armonte ò l’ammazzà.

31De questo zuramento o fè chiù caso
Che o n’haueiua za feto dro promè
E de li se partì con tanto naso
Che un bergamasco non hauea meste
Ma lassemoro andà perche l’è raso.
E senza in testa, per amò de Dè.
E trouemo Rinardo Paladin
Che se ne ze per un megiò camin.

32Rinardo si no zè gueri, che o vi
Baiardo chi ro sò cauallo fò,
E o ghe disse per Dè fermate lì,
Che l’esse senza ti no me fà prò,
Ma craou che ro cauallo chi l’odì
Fra le disesse, e no me fermo, nò.
Ma lassemoghe andà Rinardo appruoeuo.
E parlemo d’Angelica de nuoeuo.