Pagina:Rime.diverse.in.lingua.genovese.Bartoli.Pavia.1588.djvu/26

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ZENEIXE 27



5Ni re gente de notte dorman moè
Che ghe fan Turchi, e Mori scorrarie,
E se personne son troppo adormie
Lighe se troeuan prima che dessè.

E streiti in brasso da ri corsè presto
10In fusta son porte figgie, e figgioe
Si fan la dentro di tutt'erba un fasso,

Che bottan i homi, e donne à casafasso,
E inseme si ben strenzan quello, e questo,
Che spesso fan buttaghe ro sciao fuoe.

15Ni ghe ua di da cuoe:
Ohimè che moero, ohime che vegno a men,
Che ri lascian morì perchè son chen.

E ben mennan re moen.
Che onde feran con ta furia uan,
20Che sempre ro segnà resta ghe fan.

E ro sangue ne tran:
Si che se Zena no fa legni armà
Ghe conuen ra Riuera abandonà.


ANDA ueggo per Zena à ra marraggia
Zoueni à moen scrolando chiu di cento,
Chi han la forza si grande, e l'ardimento,
Che ardireiuan con Marte fa battaggia,

5E oura se mangian sotto ri pe ra paggia
E dentre forche spesso feran drento,