Pagina:Rime.diverse.in.lingua.genovese.Bartoli.Pavia.1588.djvu/29

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
30 RIME

E remi à ri barcoin tutti tegnimo,
E à ra marinna eran da noi portè
Quando in un tratto re garie armamo.

15E a fare no stentamo.
Ma ben de fare ancora moeo gh'è
Se ben ghe troeua tenti se, e me.

Ch'inuio fa re uè:
Che per armà garie de bonna uoggia,
20No ne manca oro, ma ra bonna uoggia.

Che senza brega, e doggia:
Possemo fare, si re demo fà
Per ben comun, per ben particulà.


PErche chiu dro comun ro proprio ben
Noi Zeneixi ancoè di tutti aprexemo,
Asegurà re nostre naue femo
Con ra roba che portan monto ben.

5Ma ra naue comunna, che conuen
Fa megio asegurà, no asseguremo,
Se ben dri corsè leri teme poemo
Che ro mà nostro è chijn di questi chen.

Ma s'esta naue abandona comunna
10Per ben de le chiu no uoggiemo aia,
Noi che semo orbi, e schiaui de dinè,

Per nostro ben ra demo asegurà
Con scui nò, ma con garie armè,
Perche corrimo chi ra so fortunna

15Ra qua naue comunna;