Pagina:Rime.diverse.in.lingua.genovese.Bartoli.Pavia.1588.djvu/31

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
32 RIME

Ri que spesso han per noi de gran vittorie,
20Si che s'honoran con re nostre grorie.

Scritte per mille historie;
E perche à forestè l'honò vendemo,
Senza honò noi Zeneixi se trouemo.

DOND'è l'hono dri nostri antighi, e groria?
Chi han sott'e soura terra, e mà buttao,
Perch'han ro vero honò tutti apprexao,
Quanto noi l'oro, pompa, e vanagroria?

5Cosa de di messe Paganin Doria;
Chi era fragello de paghen chiamao?
Cosa de di messe Giaxo Axerao,
E i atri antighi degni de memoria?

Che paraxi da Re chi fa ne ven
10Puoe da un nostro vassallo, e da corsè,
Batte ne ven per che garie n'hemo.

Ch'oura da Duchi tutti sta voggiemo,
Ma quelli chi ro mondo trema fen,
A Zena stavan da citten priuè,

15Senza paraxi orne;
Ma se ben viui in gran paraxi stemo
In streita fossa morti allogierem,

Ni ciù mente saremo;
Donca come i antighi femo noi,
20Se morti, e viui hauei veggiemo honoi.

Che son monto meggioì;