Pagina:Rime.diverse.in.lingua.genovese.Bartoli.Pavia.1588.djvu/39

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
40 RIME


E Chiazza noeua, e questa villa mea,
10E ro me bosco, e prao si è Carignan,
E ra marinna, e ra fontanna mea.

E l'orto me si è, ro Bezagno chian
Si che a quest'atre ville ho poco inuea,
Re que chiu penna cha diletto dan.

15Se ben ghe l'ere san;
Ch'in villa in libertè chiu no staghemo
Anzi suggetto chiu cha à Zena ghemo.

Ni chiu re Crochie uzemo;
Che gianche noi citten sorua portamo;
20Quand'à ra logia, ò giexa se n'andamo.

E brutte le lauamo:
Ch'aura de taffetta de zentuni;
In villa ogn'un re porta notte e dì.

Si che ogn'un chioca li;
25E Paraxi si grendi in villa femo.
Che Duchi, e no mercanti aura paremo.

E pochi frutti gh'emo;
Perche son ra chiu parte gratt'in ere,
Chi mi no gh'andereiua à vei me Poere.

30Ch'atro no ghe cha i ere;
E da de denti pon i homi a ri monti,
O viue d'ere da Camaleonti.

E pu gh'abitan monti;
Chi se cren ch'esti monti scoggi, e sassi,
35Sen pareixi terreistri, e giardin grassi.