Pagina:Rime.diverse.in.lingua.genovese.Bartoli.Pavia.1588.djvu/4

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

5

ra fantaſia, come porrà uei chi queſti lezzerà. Me deschiaxe ben aſſe che me ſea ſteto deuiou, che nõ haggie poſſuo inſerì in questo liberetto quarch'unna dre ſoe maſcharate perche in quelle (laſſemo andà che in tutte re ſoe coſe ò rieſſe mirabile) ò l'hà auanzaou le meſimo, eſſendo pe re inuentioin reriſsime, e pinne de dogij ſentimenti, pe ri què no han voſſuo che ſe ſtampan, dighãdo che o fa dì ſenza, che ſe ne accorzan a re ſauie figie, re matte parole, con tutto zò chie no manchan aſſe belle coſe chi puoeran delettà, e zouà in un meſimo tempo, eſſendo ſpanteghè pe ra chiu parte de belle moralitè