Pagina:Rime.diverse.in.lingua.genovese.Bartoli.Pavia.1588.djvu/55

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
56 RIME


6Voi ne fe torto che l'è cosa ingiusta
Che ne fassè desmette a son de cria,
Ra bonna roba, chi ne zoua, e gusta
Che roba ancora a n'è da buttà via,
Per ch'un bon drappò, e sodo moè se frusta
Como quello ch'usemo tuttauia,
E mont'agni porreimo ancora uxaro
Quand'à noi donne voi lasciassi faro.

7Ma se re robe pu bandi chiaxe
Dre zouene, fantinne, e viduette,
Che l'uso de tè robe ve deschiaxe
A ro manco aspetè che sen vegiette,
Perch'aura dà no se ghe poemo paxe
Che robe bonne anchon ne fè desmette,
Como se fossan robe vegie, e brutte
E sotta e soura guaste, e perè tutte.

8A strenzene de robe stenterei
Se ben tegnine streite dexirè,
Che quanto voi chiù strenze ne vorrei
Tanto allargane chiù veirei ra strè,
Però voi mesmi aruinera chiu dei
Può che tanto tra voi ue l'allarghè,
Che s'ogni ferso mette ve poei voi
Faro con chiù raxon possemo noi.