Pagina:Rime.diverse.in.lingua.genovese.Bartoli.Pavia.1588.djvu/75

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
76 RIME

Ma un'Aze d'oro carrego, e adoraou.

Ni perche a beiue l'egua d'heliconna
Ra mea foggietta deuegni po grande,
Ni ro senno dro pouero è apprexaou,


COn raxon ro Mà guardo in trauersinna
Perche come intro in Mà me sento mà
Si che in Mà poero un pesso fuo de Mà,
Ni dormì posso, si ro mà me ninna.

5E spesso egua da beiue n'ho stizzinna
Ni veggo in Mà saruo egua chi e sarà
E dentro l'egua ho poira de bruxa
E corro d'assettaou pe ra marinna.

Ma corrando a ra fin dago intr'un scoggio
10O che quarche Corsà per Ma m'afferra
Chemoe no ha ben, che in Ma sta tuttauia

E chi dro Ma chi è senza fe, se fia
Infin se troua con re neghe a moggio,
Però laudo ro Ma si stago in Terra.


MI i homi de vint'agni zà vist'hò
Che a ra lippa zughauan per re strè
A iamandore, a i osse, e cose tè
Come megon megon, bedin bedò.

5O pù semele bis, pittin pitò
E a chiatta ancon zughauan desbraghè,