Pagina:Rime.diverse.in.lingua.genovese.Bartoli.Pavia.1588.djvu/93

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
94 RIME


DEL MEDESIMO,



QUANDO un fresco, suaue doce vento
A ra saxon chiù bella a ra megiò
Trepà intre fogie sento
E pà cho spire Amò:
Me uen in mente quella
No Donna zà ma Stella,
Quando ro ventixò ghe sta a trepà
Dentri cauelli e ghe ri fa mescià.

2Quarche uota che sento i Oxeletti,
Como sareiua a dì ri Rosignò
Cantà su i Erboretti
Ri vaghi versi sò:
L'accorto raxonà
E ro gentì parlà
Me ven de quella ingrata dentro cò,
Ch'è atro cha sentì ro Rosignò.

3Quando mi vego quarche prao sciorio
Gianco, giano, incarnato, e Porceletta;
Couerto, e ben vestio
De verde, e frescha herbetta:
In cangio d'alegrame
Chiù sento apassioname
D'una sciò strannia chi no ha proprie fogie
Ma re cangia secondo re so vogie.