Pagina:Rime (Cavalcanti).djvu/106

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

-92-

XLVI.


Sed io comincio dir che paia 'lpestro
     e sia noioso e non si possa 'ntendre,
     in verità ch'uom non me n' de' riprendre,
     però che '1 tatto mio va a sinestro.

E di quell'arte, ond'io credea maestro
     esser, tuttora mi convien aprendre,
     come d'amore, che or mi vuol car vondre
     lo ben passato con crudel capestro.

Ond'i' sperava, lasso, esser sicuro,
     perchè ben mi parea servire e starmi,
     ne mai no me n' sarei guardato indietro.

Non sacci' ormai chi li si vada al mietro,1
     da poi che posto s'è ad ingannarmi,
     che li so' stato sì fedele e puro.


XLVII.


In quella guisa, amor, che tu richiedi
     merzede in quella parte ove tu ami
     e, come tu mi conti, gioi' ne brami,
     sa' tu ch'i' sono a te tuttor a' piedi.

Sì che tu stesso di tua man ti fiedi
     quando di ciò pietade altrove chiami,
     donde tu se' spietato e noia fa' mi
     dandomi peggior colpi che di spiedi.

Perch'io prego colei, onde tu attendi
     d'aver piacer, ch'ella così '1 ti doni
     come tu te acconci di servirmi.

Di ciò non puoi ch'i' ti diserva dirmi,
     ina puoi pensare, al termine che poni
     di farmi ben, che te medesmo ofendi.

  1. Andare al metro - piacere.