Pagina:Rivista italiana di numismatica 1888.djvu/156

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

APPUNTI


DI


NUMISMATICA ROMANA




I.

MONETE IMPERIALI INEDITE

NELLA COLLEZIONE GNECCHI A MILANO



Nessun ramo della Numismatica fu tanto e da così lungo tempo studiato come quello della Serie Romana; di nessuna serie furono costituite tante e così copiose collezioni; eppure il campo è così immenso, che qualche cosa rimane sempre da spigolare anche agli ultimi arrivati.

I ripostigli, che con meravigliosa fecondità offre regolarmente la terra in tutta l’estensione dell’antico mondo romano, i ritrovamenti di antiche monete frammiste agli altri avanzi della romana civiltà, ora singolarmente facilitati dal rivolgimento della nuova Roma, che va sovrapponendosi all’antica, in mezzo alla congerie di cose già conosciute, portano pure alla luce di quando in quajido qualche moneta, che fa la sua prima apparizione nel campo numismatico. Tali novità, le quali necessariamente vanno facendosi più rare e più difficili col progresso del