Pagina:Rivista italiana di numismatica 1888.djvu/302

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

bibliografia 269

di affiatarsi. Oltre ai raccoglitori milanesi, oltre le numerose commissioni date all’Impresa, intervennero, da Roma il Cav. Ortensio Vitalini, da Firenze il sig. Boyne, da Savona l’Avvocato F. Becchi, da Lodi l’Avv. M. Averara. Dall’estero poi avevamo il signor L. Hamburger di Francoforte, e il sig. Ruston di Lincoln. Notiamo intanto con piacere come il numero dei nostri raccoglitori vada sempre aumentando, e come l’amore per questo bel ramo dell’archeologia si diffonda sempre più. A questo incremento contribuiranno efficacemente, oltre le pubbliche vendite, la recente fondazione della Rivista, e la Società Numismatica che si sta organizzando.

Sarebbe desiderabile che, almeno una volta all’anno, l’Impresa Sambon potesse allestire qui in Milano una vendita di qualche importanza, perché tali occasioni possono assomigliarsi a dei congressi numismatici, che procurano conoscenze e scambi fra i vecchi raccoglitori e formano i nuovi.

Un piccolo ripostiglio in Brianza. — Qualche mese fa, a Montesiro, frazione di Besana Brianza, venne trovato un ripostiglio di circa 600 monete del Basso Impero. Appartenevano ad esso gli esemplari donati poi dal sig. Ing. Giulio Pisa al Gabinetto di Brera.

Notizie degli Scavi. — Nello scorso anno, — riferiscono le Notizie dei Lincei, — a Castelforte, in Terra di Lavoro, nell’intraprendere alcune fondazioni per costruirvi un edificio balneare, si riconobbero avanzi di costruzioni antiche, appartenenti probabilmente al primo secolo dell’impero, e destinate al medesimo scopo. In quella località si trovarono alcune monete romane di bronzo, fra le quali un dupondio di Augusto, coniato dal monetiere P. Lurio Agrippa, un dupondio di Vespasiano, ed altre del basso impero.

Vi si rinvennero inoltre alcune monetine d’oro, arabe e normanne, e parecchie migliaia di danari tornesi, contenuti in due vasetti di creta.

Un premio ad Ernesto Babelon. -— Nella seduta del 18 nov. 1887, dell’Accademia delle Iscrizioni di Francia, venne aggiudicato il premio di Numismatica, fondato dal sig. Al-