Pagina:Rivista italiana di numismatica 1888.djvu/413

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
374 cronaca

Promis Vincenzo. — Moneta inedita di Pietro di Savoia, e pochi cenni sulla zecca primitiva dei Principi sabaudi. Torino, Loescher, 1888.


Domenico Promis, nella magistrale sua opera intorno alle Monete dei Beali di Savoia, aveva registrato Acquabella come la prima in ordine di tempo fra le zecche aperte da quei principi, “trovandosi durante il vescovado di S. Ugo di Grenoble, che cominciò nel 1080, menzione (come di moneta avente corso legale) di danari battuti in Aiguebelle nella Moriana, Stato il più antico che abbia posseduto questa famiglia, e diversi certamente da quelli battuti in Vienna, essendo in carta di quegli anni gli uni dagli altri distinti.”

Un altro documento anteriore, dell’anno 1065, parlava già di monete battute in Acquabella, vivente il conte Oddone, verso il 1060.

Anche il S. Quintino ed il Perrin ritennero per certo che i principi di Savoia dovevano aver avuto zecca propria in Acquabella; ma però attribuirono al vescovo di Moriana la sola moneta acquabellese conosciuta sinora, la quale è di tipo vescovile, e corrisponde anche per tutti gli altri elementi alla moneta di S. Giovanni di Moriana, pubblicata poi dal Rabut.

Ora, il Comm. Vincenzo Promis, prendendo le mosse da un recente suo acquisto per la Collezione di S. M, dimostra che la moneta acquabellese suddetta va assegnata veramente al conte Oddone, per quanto nel tipo sia somigliantissima ai denari contemporanei di Vienna e di Moriana.

Il nuovo acquisto di cui parliamo è una preziosa monetina che il Comm. Promis attribuisce a Pietro I, figlio e successore del conte Oddone; essa è rassomigliantissima alle monete di Vienna e di Moriana, porta il nome del marchese, e l’indicazione della zecca di Susa.

Si sapeva già che quest’ultima officina era attiva sotto il conte Umberto II (1080-1103): la scoperta della monetina di Pietro I, il quale morì nel 1078, dimostra che la zecca secusina lavorava anche anteriormente.

La moneta di Pietro, della quale ci si dà per la prima volta la notizia ed il disegno, viene ad essere anche la più antica con indicazione certa nella serie numismatica dei Beali di Savoia.

Il Comm. Promis dedica la sua Memoria a S. A. B. il Principe di Napoli.