Pagina:Rivista italiana di numismatica 1889.djvu/237

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
218 alfredo comandini

dire che, ai 14 marzo 1858, il re Vittorio Emanuele II volendo che suo figlio Umberto, principe ereditario, che in quel giorno compiva il 14° anno di età, entrasse a fare parte dell’esercito, lo nominò capitano di fanteria e lo fece inscrivere nei ruoli del 3° reggimento (brigata Piemonte).

Nel 250° anniversario della brigata alla quale appartenne, re Umberto inviò al comandante della medesima un telegramma che, con gentile pensiero, venne riprodotto come epigrafe nella medaglia commemorativa, che qui descriviamo:

Diamm. mm. 59.

D/ — Testa nuda a sinistra di Umberto I re d’Italia. Sotto il taglio del collo, a destra: SPERANZA.. In giro: 250° ANNIVERSARIO DELLA BRIGATA PIEMONTE. In basso, fra due stellette a cinque punte: 22 GIUGNO 1888.

R/ — In tutto il campo, in quindici linee, epigraficamente disposte: ASSISTO COL PENSIERO ― E COLL’AFFETTO — ALLA COMMEMORAZIONE — DEL 250° ANNIVERSARIO ― DELLA BRIGATA PIEMONTE ALLA QUALE RICORDO SEMPRE ― CON LA PIU’ VIVA SODDISFAZIONE ― DI AVER APPARTENUTO — HO FEDE SICURA — CHE IL 3° E 4° REGGIMENTO — SAPRANNO IN OGNI EVENTO — CONFERMARE LA LORO — GLORIOSA TRADIZIONE — CHE OGGI ONORANO — UMBERTO.

Le feste commemorative furono celebrate in Napoli, dove la brigata trovavasi di stanza; ebbero luogo il 22 giugno; e della bella medaglia qui descritta ne furono coniati 2500 esemplari in bronzo per tutti i soldati appartenti o che già avevano appartenuto alla brigata. Un esemplare in oro fu presentato a Sua Maestà, e varii in argento furono coniati per