Pagina:Rivista italiana di numismatica 1889.djvu/371

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
350 giovanni mulazzani

III.


CREMONA.


Celebre negli annali di Milano è questa Zecca, per l’interdetto di Federico I del 1155, col quale trasferì nei Cremonesi l’antichissimo privilegio di cui dianzi ci aveva privati. Primo il Sigonio era stato a farne parola, quando il Campi nella sua storia di Cremona ne pubblicò il diploma, che il Muratori riprodusse alla nostra rubrica monetaria.

In qual anno siasi posto mano a fruire del beneficio ricevuto, è ignoto1 nessuno scrittore vi è che abbia dato la storia di quella Zecca. Però un documento scoperto dal Conte Carli, ci fa sicuri che dal 11 83 l’officina cremonese trovavasi aperta; poiché, per un concordato fatto in quell’anno fra Brescia e Cremona, questa città si obbligò di mandare uno zecchiere all’altra, per insegnare a fare moneta, e moneta che fosse eguale2. Ed a questi primi tempi è da assegnarsi, io penso, anche per lo stile proprio della fine del secolo XII, la monetina erosa di forma scodellata fino adesso inedita, che va del pari con altra bresciana di quella età, pubblicata da Muratori e da me possedute en-

  1. Il Padre Tonini, in un suo importante lavoro sulla Zecca Cremonese pubblicato nel I Volume (1868) del Periodico di numismatica e sfragistica dello Strozzi, fissa la data certa dell’apertura di quella Zecca all’anno 1155. Rimandiamo i nostri lettori a quell’interessante studio, il quale comprende tutto il periodo della zecca Cremonese e completa il cenno dato dal Conte Mulazzani, pubblicando buon numero di monete allora sconosciuto, e dandone anche i disegni.

    (F. ed E. G.).

  2. Vol. 2, pag. 273-4.