Pagina:Rivista italiana di numismatica 1889.djvu/530

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

compendio storico di quindici zecche italiane 503

che lo stesso Muratori, e molto più Bellini, fecero conoscere. La mia proposizione ha però bisogno di essere avvalorata, locchè aspettar si può da qualche erudito di quel paese, che regalar volesse la repubblica letteraria di una storia di quella Zecca, scritta di proposito e ordinatamente, non avendo l’abate Doneda fatto che delibar la materia.

Per difetto di questa desiderata scrittura siamo all’oscuro del diploma di concessione, che di certo non può essere stato che del primo Federico, qualche anno prima della pace di Costanza, o immediatamente dopo. Ignoriamo parimenti il tempo preciso in cui siasi dato mano ad approfittare del conseguito privilegio; ma per il documento di cui fu fatto cenno trattando della zecca di Cremona, si può fissare all’anno 1183, od all’anno dopo, l’apertura dell’officina monetaria bresciana. Il Doneda ha dimostrato che moneta patria si nominava già in una sentenza arbitrale del 1184, data in quella città1, per tacer di due cronache di quei tempi che ne parlano2.


XV.


PADOVA.


Incerta è la fondazione di questa Zecca, volendola taluni far derivare da Arrigo II imperatore, nel 1046; su di che è a vedersi Muratori, che ristampò con dub-

  1. Zanetti, Raccolta, ecc. Vol. IV, pag. 410-412.
  2. Ivi e nota 274.