Pagina:Rivista italiana di numismatica 1889.djvu/586

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

serdica o antiochia? 559

la scrittura di queste monete presenta colla scrittura di quelle monete di Gallieno che portano le date di regno vii c e p xv, e in ispecie al G di forma arricciata, б, poiché nessuno vorrà supporre che questa forma di lettera, oltre che nelle due zecche di Serdica e d’Antiochia dove l’abbiamo riscontrata, fosse usata in un’altra zecca ancora.

I dubbi del sig. Lépaulle dovrebbero con ciò essere dissipati.

Queste monete di Claudio, adunque, nella prima emissione, — come ho dimostrato nel mio articolo sulle Zecche imperiali durante il regno di Claudio, — non hanno segnatura.

Nella seconda emissione, come si è detto, recano le sigle α sino ad η. In questa emissione si trova interpolata una moneta colla Vittoria, la sola moneta di tal genere che io conosca di questa zecca (Fig. 28); siccome essa non ha ancora segnatura, non può essere stata coniata che sul principio della seconda emissione, e quindi non può riferirsi che alla vittoria sugli Alemanni1.

La mancanza di un’ulteriore emissione, come pure la circostanza che di questa zecca non si hanno monete ricordanti la vittoria, quali furono coniate in tutte le zecche dopo la vittoria sui Goti, dimostrano chiaramente che vi fu un’interruzione nel lavoro di questa zecca.

Si potrebbe forse sollevare l’obbiezione che la serie segnata potrebbe essere stata l’ultima, ciò che non spiega ancora la mancanza delle monete coll’accenno alla vittoria.

Ma anche questa obbiezione non regge, perchè anche quivi, dopo l’ultima emissione, si sarebbero dovute coniare, come accadde in tutte le altre zecche, le monete della consecratio di Claudio.

E, non soltanto, mancano affatto queste, ma anche quelle di Quintillo come successore di Claudio.

Anche se si volesse ammettere che la notizia dell’assunzione di Quintillo al trono potesse esser giunta colà troppo tardi

  1. Vedi il mio articolo: «Sul significato delle monete con victoria g. iiii. e victor german di Claudio II», nel Vol. XVI della Num. Zeitschrift di Vienna, Annata 1884.