Pagina:Rivista italiana di numismatica 1890.djvu/172

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

bibliografia 163

Numismatica; nè allorquando, fra un tempo che vorremmo non troppo lontano nascerà chi vorrà rendersi veramente benemerito allestendo il Catalogo generale della Numismatica Greca, noi non crediamo che penserà mai a cercare gli elementi per la sua opera nel Buonarroti.., a meno che queste poche righe non glie lo suggeriscano.

L’autore stesso mentre nel cenno preliminare a pag. 6 riconosce come gli scritti numismatici pubblicati isolatamente in giornali d’altr’indole vadano assai facilmenti dispersi, nell’avvertenza alla pag. 1 dichiara d’avere dimesso il pensiero di pubblicare il suo Opuscolo nella Rivista Italiana di Numismatica, per “ragioni facili a comprendere dalla lettura di esso.” E noi dal canto nostro non possiamo che trovar giusta tale determinazione. Alcune controversie e per meglio dire il modo con cui sono trattate non avrebbero certo potuto trovar luogo nella Rivista la quale mentre accorda ai suoi collaboratori la massima libertà d’opinione nel campo scientifico, vuole che tale libertà vada unita al maggior riserbo per le persone.

La disputa scientifica per quanto libera deve sempre tenersi nel campo sereno dell’oggettività, e la critica deve seguire lo splendido esempio del Manzoni, rifuggendo da quello così deplorevole dei nostri letterati del secolo decimottavo.

Conclusione: non è da incolpare la Rivista se i due Opuscoli del Cav. Fraccia non vi poterono essere pubblicati, bensì il modo con cui essi sono scritti.

F. G.




Rizzini P. Illustrazione dei Civici Musei di Brescia. Parte I. Placchette e bassirilievi.

Il solerte Direttore dei Musei bresciani, Dott. Prospero Rizzini, ha intrapreso nei Commentari dell’Ateneo di Brescia uno studio diligente intorno alle insigni Collezioni artistiche di cui gli venne affidata la custodia da quel Municipio.

Egli ha incominciato dalla illustrazione di una serie interessantissima di monumenti, che ha grande attinenza colla numismatica, quantunque strettamente parlando non vi appartenga: la serie delle placchette, la quale è rappre-