Pagina:Rivista italiana di numismatica 1890.djvu/553

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
534 ercole gnecchi

della storia di questa officina monetaria, dei feudi di questi principi, dei privilegi loro concessi dagli imperatori, dei contratti di zecca, e delle varie specie di monete da loro coniate. Una tavola aggiunta ci offre il disegno di cinque monete di Campi, e l’autore, dandone la descrizione, dichiara di non averne vedute altre in tutte le collezioni pubbliche e private di Genova, compresa quella della stessa famiglia Centurioni, dove si conservano gelosamente tutte le memorie relative a quel casato. — Le monete da esso illustrate sono le seguenti:

Carlo Centurioni (1654-63). Una Doppia d’oro del 1662 (una delle due già pubblicate nel Catalogo del Museo di Vienna), e un Testone (?) di tipo identico alla doppia.

Gio. Batta Centurioni colla moglie Giulia Serra (1668-72). Una Doppia d’oro del 1668, e due Testoni (?) dello stesso tipo, uno dell’anno 1668, l’altro del 1672.

Lo stesso Olivieri poi, in un suo articolo su monete e medaglie di famiglie genovesi, inserita nella sua Rivista della Numismatica antica e moderna1, pubblicava nel 1864 due altre monete di Campi, in aggiunta a quelle da lui descritte nell’altra sua opera citata. La prima è uno zecchino del principe Gio. Battista Centurioni dell’anno 16682. La seconda è un luigino dall’Olivieri attribuito a Giulia Serra moglie del principe G. B. Centurioni. L’autore riporta quel

  1. Olivieri A., Monete e medaglie delle famiglie genovesi dei Centurioni, dei Doria e degli Spinola, di recente scoperte. — «Rivista numismatica antica e moderna». Vol. I, pa. 68-65; tav. II, N. 8 e 4.
  2. Questo zecchino, forse unico, già posseduto dal Sig. Franchini di Genova, si trova descritto nel Catalogo della sua collezione (Pag. 14, tav. I, n. 167), ed è ora posseduto dal conte Nicolò Papadopoli di Venezia.