Pagina:Rivista italiana di numismatica 1890.djvu/555

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
536 ercole gnecchi

vere, e, con qualche variante, anche in quello del secondo.

In ogni modo, il luigino pubblicato dal Poey d’Avant e riprodotto dall’Olivieri, resta tuttora di incerta attribuzione, e non porta nome di zecca.

Nel settembre dell’anno 1889, in un gran ripostiglio di luigini scoperti presso l’isola di Andrea (Mar Egeo) e appartenenti, per la maggior parte, a zecche italiane, furono trovati tre luigini, coniati a nome di Giulia Serra, moglie del principe G. B. Centurioni. Essi portano il nome della zecca e sono perciò i primi tre luigini di Campi di sicura attribuzione. — Due d’essi si trovano ora nella mia collezione; il terzo passò in quella del conte Nicolò Papadopoli di Venezia, che gentilmente mi volle mandare la moneta in esame, autorizzandomi a pubblicarla, per il che io gliene rendo qui i più sentiti ringraziamenti.

Ecco pertanto la descrizione dei tre luigini:


Rivista italiana di numismatica 1890 p 555.png


Peso gr. 1.100.

D/ ― IVLIA • M • PRINCIP CAMP •
Mezzo busto di donna a d. Sotto il busto un punto.

R/ — CENTVPLV GERMINAB
Stemma coronato coi tre gigli di Francia, sopra i quali il lambello a tre pendenti. Ai due lati dello stemma, la data 16 68.

(Coll. Gnecchi).