Pagina:Rivista italiana di numismatica 1891.djvu/295

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

notizie varie 279

che fu stampato nella Gazzetta numismatica di Como1. Ora ne furono trovate altre, di cui la detta relazione ci fornisce l’elenco.

Congresso interazionale di Numismatica a Bruxelles. — Nel 1891 si compie un avvenimento abbastanza raro per una società scientifica, il cinquantesimo anniversario della fondazione della Reale società numismatica del Belgio. Noi numismatici dell’oggi non assisteremo certo a una simile solennità in Italia! — La Società Belga per celebrare tale solennità ha indetto un Congresso interazionale di Numismatica, il quale, sotto l’alto patronato S. A. R. il Duca di Sassonia, si aprirà il giorno 5 Luglio p. v. nel palazzo delle Accademie, a Bruxelles. I membri della Società vi fanno parte di diritto; agli altri numismatici, sia del Belgio che dell’estero, furono diramati inviti.

Chi non l’avesse ricevuto e desiderasse partecipare al Congresso, potrà facilmente ottenere un invito a mezzo della Direzione della Rivista Italiana a cui gentilmente si rivolse facendo capo, come a centro numismatico italiano, il presidente della Società Belga il Visconte B. de Jonghe.

Le questioni da trattarsi al Congresso dovranno essere presentate due mesi prima della sua riunione, onde essere comunicate a tutti gli aderenti.

Le memorie che saranno presentate al Congresso verranno pubblicate in un volume speciale (al quale è aperto fin d’ora la sottoscrizione al prezzo di 20 franchi) nelle lingue originali francese, neerlandese, italiana, tedesca e inglese. — Le memorie però scritte in lingue straniere dovranno essere accompagnate da un riassunto in francese, il quale solo verrà letto al Congresso o dall’ autore stesso, se presente o, in sua mancanza, da un altro membro incaricato.

I collaboratori della Rivista Italiana di Numismatica hanno avuto a suo tempo la circolare, in cui si partecipava come il nostro Consiglio di Redazione abbia proposto che

  1. Il medagliere del Gran San Bernardo (Gazz. num., Anno III, 1883, pag. 27-38, 42-49).