Pagina:Rivista italiana di numismatica 1891.djvu/407

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

i "cavalli" di ferdinando i d'aragona, re di napoli 355

Lo stesso tipo avente al diritto il busto, con corona radiata senza gemme.

Rame, R3 Coll. Sambon (argentato).

Altra simile col SICIL — IE diviso dalle zampe dei cavalli.

Rame, R3 Museo Nazionale di Napoli.
Rivista italiana di numismatica 1891 p 407 a.jpg
DFERDINANVS : REX

Busto a destra con corona radiata.

R/ — Quadriga a destra. All’esergo: VICTOR.
Rame, R4, Coll. Sambon e Museo Nazionale di Napoli.

Tutti e due questi esemplari sono dorati.

SULMONA.


Giuseppe Maria Fusco pubblicò un raro carlino di Ferdinando I d’Aragona, coniato a Sulmona1. Ora io pubblico, per la prima volta, il cavallo impresso in questa zecca col nome di quel sovrano.

Rivista italiana di numismatica 1891 p 407 b.jpg
  1. Addì 16 febbraio 1462 la zecca di Sulmona fu affidata a Marnio de Jan Cane, Amico de Cola, de Aymone e Matteo de Pietri, de Cola, de Simone. Potevano coniare carlini, tornesi e piccioli. (V. N. Faraglia, Cod. dipl. sulm. p. 354).