Pagina:Rivista italiana di numismatica 1891.djvu/554

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
496 giuseppe castellani

qui registrare qualche maggiore dettaglio sulle opere che resero allora celebre il nostro Peruzzo, ma disgraziatamente le mie ricerche e quelle che fecero egregi e gentilissimi amici1 non approdarono ad alcun risultato e mi fu giuocoforza rinunziare alla speranza di completare le poche notizie sulla vita del Bartolelli, aspettando una combinazione fortunata che mi ponga sott’occhio qualcuna delle sue carte o qualche autore che ne parli.

Asterisme.svg


E lasciando il Bartolelli, torno alla medaglia che quasi unicamente ce ne conservò la memoria. Ciò che più ferma V attenzione di chi la guarda è la somiglianza quasi perfetta della testa con quella di Sigismondo Malatesta effigiata sulle medaglie modellate dal celebre Matteo de’ Pasti e questo osservò anche il Masetti dicendo : “È la medaglia di a cui si parla una bella incisione simile e, si può dire con franchezza, della stessa mano che scolpi quelle di Sigismondo Malatesta....„; e più sotto, descrivendo la medaglia, dice: “Porta nel diritto la testa di Peruzzo in giovane età, volta a sinistra, ben azzimata all’uso del tempo, e che al primo vederla sembra quella di un Sigismondo....„ E invero la somiglianza della testa, la forma delle lettere, la dimensione della medaglia, lo stile del lavoro, tutto induce a credere che sia opera del Matteo de’ Pasti e non può negarsi come anche in questo lavoro si

  1. Il sig. Cav. Ercole Gnecchi e il sig. Dott. Solone Ambrosoli vollero gentilmente consultare le opere dell’Ortelio nella Biblioteca di Brera con tutta diligenza: il primo mi scriveva dopo accuratissimo esame: «Credo non si possa affermare quello che dice la Biblioteca Picena».