Pagina:Rivista italiana di numismatica 1892.djvu/333

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



Francesco Foscari e le sue monete


(1423-1457)1





Con lunga e contrastata elezione fu creato doge Francesco Foscari che tenne il seggio ducale per trentaquattro anni in una dello epoche più avventurose della nostra repubblica. Si avverarono così i timori del prudente predecessore: l’ingrandimento dei possessi in terraferma costò a Venezia dure lotte e penosi sacrifici, di cui si sentirono per lungo tempo le conseguenze nelle finanze e nella prosperità dello stato. Non si può. senza ingiustizia, darne tutta la colpa al doge Foscari, il quale aveva, energia ed avvedutezza non comuni e sentiva altamente di sé e della repubblica, ma conviene attribuirne gran parte ai principi vicini. ambiziosi e senza fede, ed alle condizioni generali dell’Italia in quei tempi tristissimi. Filippo Visconti agognava il dominio di tutta la penisola e le due repubbliche di Firenze e di Venezia dovettero allearsi per difen-

  1. Questo articolo fa parte della importantissima illustrazione delle Monete di Venezia, al quale il Ch.mo Autore attende da parecchi anni, il cui primo volume (dalle origini fino a Nicolò Tron) uscirà verso la fine del corrente anno.

    (N. d. D.).