Pagina:Rivista italiana di numismatica 1892.djvu/336

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
320 nicolò papadopoli

avevano obbligo di consegnare alla zecca per farne moneta, debbano essere coniati soldi della forma usata due nuove monete, l’una da 8, l’altra da 2 soldi, in uguali proporzioni, o cioè un terzo di ogni qualità. Il grosso da 4 soldi viene mantenuto, ed i mercanti possono farne coniare per la Soria e per gli altri paesi del levante col rimanente dell’argento, dopo francato l’obbligo del quarto. Sì le nuovo che le antiche monete dovevano avere la lega e la bontà usata fino allora e andare al taglio di lire 31 per marca, ed in modo che 104 soldi valessero un ducato, aggiungendo calde raccomandazioni por l’esattezza del peso e della fabbricazione. Tale decreto, motivato dalla invasione di monete forastiere nelle nuovo provincie di Brescia e Bergamo, prescrive che le monete da 1, da 2 e da 8 soldi sieno spedite in quei territori, conservando i grossi per i commerci dell’Oriente. È questa la ragione per cui nei ripostigli che si rinvengono nella, terraferma, dove la Repubblica estendeva i suoi possessi, troviamo più facilmente i grossoni ed i pozzi da uno e da due soldi, mentre i grossi vengono ai raccoglitori dai ritrovamenti fatti in Oriente.

La seconda parte presa in quel giorno1 revocava la deliberazione 4 gennaio 1419 (1420), nella quale si abolivano tutte le restrizioui e si permetteva di vendere l’argento in qualsiasi luogo ed a qualsiasi persona, e richiamava in vigore l’antica legge 28 settembre 1374, la quale ordinava che tutto l’argento condotto a Venezia fosse venduto a campanella a Rialto.


  1. R. Archivio di Stato. Senato, Misti reg. LVII, carte 126 t. — Capitolare dello Brocche, carte 25. — Capitolare dei Massari all’argento, carte 65 t.