Pagina:Rivista italiana di numismatica 1893.djvu/109

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
102 g. de petra


Dei denari, che caratterizzano i depositi di Riccia e Maserà, mancano soli :

183 T. Clouli
159 Sex Iuli Caisar

ma sono presenti i nn. 139, 140, 141, 142, 144, 180, 128, 143, 145.

Qui mi corre il debito di riferire, che nello scorso agosto esaminai, a richiesta dell’autorità giudiziaria, 25 denari sequestrati a tre persone, e provenienti dalla scoperta di cui discorro. Uno solo di essi modifica il mio catalogo, ed è un esemplare del n. 190 L. Saturn, che non è apparso nè a Riccia, nè a Maserà. Se non che la sua conservazione, quantunque buona, non è perfetta come si addice al pezzo più recente di un ripostiglio. Nè mancano esempi di denari che si sono malamente insinuati nei tesori rimessi a luce: così da quello di Riccia si è dovuto espungere il n. 146 C. Serveil, e dall’ altro di Cingoli il n. 231 Ti. Claud, Ti. f. Ap. n. Le riserve, poi, sono anche più necessarie con i frammenti di una scoverta raccolti da mani diverse e in tempi abbastanza distanti. Perciò, fino a questo momento, ho ragione di credere, che S. Giovanni Incarico sia identico a Maserà.

Un tesoro, che torna in luce nel territorio fregellano, fa naturalmente pensare, che sia stato nascosto nei giorni, in cui la città venne assalita dai Romani. Può una critica diffidente rifiutare questa presunzione, e scartando ogni rapporto con i timori di guerra, propendere a collocare il deposito o negli anni della pace anteriori alla distruzione della città, o al tempo di Fabrateria nova, che venne edificata l’anno 630 nello stesso territorio di Fregellae. Ma neanche così possiamo discostarci molto dall’anno 629; poichè non per le ragioni esterne e materiali dei ritrovamenti, ma per i criterii epigrafici e numismatici, nonchè per le esigenze di un’acconcia distribuzione di tutta la serie dei denari romani, vennero le ultime monete del nostro ripostiglio assegnate fra gli anni 620 e 640. E una volta prefissi questi limiti, bisogna dare il giusto peso alla concomitanza degli altri due tesori