Pagina:Rivista italiana di numismatica 1893.djvu/122

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

notizie varie 115

consolare, ha saputo discernere, specialmente fra i bronzi, parecchie varietà inedite e le ha tutte acquistate.

È poi soddisfacente il fatto che tutte le maggiori rarità siano rimaste in Italia, poiché, come si può rilevare dall’elenco che segue, sono state per la massima parte acquistate dai Sig. Cav. Bignami, Cav. Martinetti, Ing. Sarti e Dott. Capo. Solo tre o quattro pezzi cioè il n. 665 della Julia (ibrida), l’873 della Minatia, il 966 della Petronia, furono acquistati dal noto negoziante tedesco sig. Hamburger.

Anche riguardo ai prezzi questa vendita è stata di grande interesse e potrà servire di norma ai negozianti ed ai collettori.

Le monete comuni, anche di buona conservazione, sono state vendute a prezzi bassissimi, le rarità invece sono salite a prezzi che ad alcuni sono sembrati esagerati.

Ritengo utile di dare qui di seguito un elenco col confronto dei prezzi fatti alla vendita e quelli segnati dal Babelon.

Per alcune monete il prezzo è stato quasi triplicato. I sesterzi sono stati in generale pagati prezzi alti; citerò quello della Calpurnia venduto L. 115, quello della Licinia L. 92, quello della Vibia L. 165.

Alcune rarità sono state ritirate o vendute a prezzi bassissimi perchè riconosciute false, quali il denaro di Bruto coi pugnali, quello dell’Horatia col nome Cocles, l’aureo della Livineia n. 762, quello della Maria n. 838, il denaro di Annia Faustina n. 1568, ecc.

Le monete della piccola serie imperiale non fecero grandi prezzi. Citerò i due pezzi più importanti, cioè l’aureo con Traiano e Plotina e l’altro con Traiano e il Padre. Furono pagati L. 320 il primo e L. 310 il secondo.

Il concorso degli amatori alla vendita fu scarso — erano pochi ma buoni, cioè intelligenti — essi superarono di molto le offerte numerose venute da altre parti d’Italia e dall’estero; ma bisogna considerare che essi ebbero il grande vantaggio di poter esaminare coi propri occhi le monete e quindi valutarle al loro giusto valore.

N. 42 Aemilia Rest. L. 400 Martinetti
» 73 Antia » 110 Sarti
» 145 Arria » 500 Bignami